Gruppo Romeo Gestioni – Blog su Wordpress

Profilo wordpress del Gruppo Romeo Gestioni SpA. Aggregatore di news e comunicati stampa

Romeo Gestioni contro il Comune di Roma: morosità pilotate

Romeo gestioni contro il Comune di RomaLe obiezioni presentate da Romeo Gestioni in merito al caso “affittopoli” riguardante il Comune di Roma e gli affitti fuori mercato di alcuni immobili di sua proprietà fanno luce su quanto sta accadendo con le mancate dismissioni di quegli stessi immobili.
Il punto è che il Comune vorrebbe vendere gli immobili che non era riuscito a piazzare con i precedenti piani di dismissione (risalenti al 2001 e al 2006), probabilmente perché molti edifici sono in condizioni pessime, perciò la stima di incasso (300 milioni di euro) va rivista al ribasso.
Il dato più importante, tuttavia, è riferito agli inquilini morosi di questi alloggi, poiché l’amministrazione non si è mossa per recuperare gli arretrati con l’intento di evitare contrasti con le attività di alienazione. Tutto ciò non è servito e proprio a causa di queste scelte il Gruppo Romeo non ha potuto procedere al rinnovo dei contratti e quindi all’aggiornamento dei canoni.

Continua a leggere…

Annunci

La Corte di Cassazione annulla il sequestro disposto a Romeo partecipazioni

Romeo Gestioni sentenza dissequestroLa sesta sezione penale della Cassazione ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Franco Coppi e Giovambattista Vignola, i quali assistono l’imprenditore Alfredo Romeo nella vertenza con il Comune di Napoli riguardante delle somme di denaro derivanti dalla vendita di immobili pubblici.

Questa controversia nasce in seguito all’accordo che prevedeva il versamento graduale di rate da parte del Comune di Napoli per saldare i debiti contratti con le società di Romeo.

Il Comune aveva sospeso i pagamenti ritenendo di dover corrispondere una somma minore e così l’imprenditore ha sospeso i versamenti degli introiti ottenuti con la vendita del patrimonio immobiliare comunale.

Continua a leggere…

Gruppo Romeo Gestioni: l’inchiesta Global Service non aveva prove

Sentenza cassazione assolve Alfredo RomeoGli articoli più recenti in merito all’inchiesta Global Service puntano tutti sul “vuoto probatorio”, cioè l’assenza di prove e di reati da parte degli imputati, tutti assolti in Cassazione. È un fatto che fa riflettere, poiché Romeo Gestioni ha subìto danni all’immagine mentre de Magistris, che all’epoca firmò l’ordinanza del Tribunale del Riesame per non far scarcerare Romeo, oggi è sospeso dall’incarico di sindaco per abuso d’ufficio in un’altra inchiesta, Why Not.
Il Corriere del Mezzogiorno riepiloga quello che è accaduto dall’avvio delle indagini nel 2008 fino all’assoluzione: l’errore primario da parte dei Pm e poi della Procura generale, secondo la Cassazione, è stato quello di “ignorare che qualsiasi attività economica, anche ove non connotata da finalità illecita, necessariamente si svolge cercando di acquisire vantaggi sulla concorrenza”, perciò non si configura alcun reato.

Continua a leggere…

Galleria di Via Toledo, la tragedia si poteva evitare

Galleria Toledo a NapoliUn grave incidente accaduto a Napoli accende il dibattito sulle responsabilità del Comune rispetto alla manutenzione di strade, palazzi e spazi pubblici in genere.

Quello che è successo, il crollo di un cornicione della Galleria di via Toledo che ha ferito un ragazzo di 14 anni, purtroppo defunto in ospedale il 9 luglio, ha spinto l’amministrazione comunale a lanciare un appello a commercianti e condominii per invitarli a occuparsi della bonifica e del risanamento del territorio.

L’intenzione è di responsabilizzare associazioni, imprenditori e potenziali mecenati che potrebbero intervenire per riqualificare il centro storico e altre aree urbane.

Il rischio di questa delibera, attualmente in preparazione, sta nel dare il via a processi dilettantistici, poco coerenti e difficilmente controllabili dalla stessa Amministrazione: per anni non si è investito nulla sul patrimonio pubblico, come si può pensare che qualcosa possa cambiare?

Continua a leggere…

Napoli, la città agisca contro il degrado

Eugenio Mazzarella firma un articolo che è il caso di citare per avviare una discussione proficua sul futuro di Napoli: se l’amministrazione non ha la capacità di risolvere i problemi della città, è il caso che la maggioranza della borghesia napoletana intervenga in prima linea per occuparsi del bene pubblico.

Gruppo Romeo modello InsulaQuello che Mazzarella suggerisce nel suo articolo sul Corriere del Mezzogiorno è uno sforzo collettivo per sconfiggere il degrado, seguendo alcuni esempi già proposti in passato, come il progetto dell’insula dell’antica dogana voluto da Romeo Gestioni.
Quell’idea, messa precipitosamente da parte dalla giunta de Magistris, è la prova che si può amministrare il territorio anche con poche risorse, invitando i privati a occuparsi della manutenzione di palazzi, strade e quartieri ma non come dei mecenati, bensì in qualità di investitori per la collettività, poiché un cofinanziamento pubblico-privato può rappresentare la vera soluzione ai mali che affliggono Napoli.

Continua a leggere…

Pianificazione del sistema Paese e valorizzazione dei beni immobiliari secondo Alfredo Romeo

Romeo Gestioni e i beni immobili pubbliciNon c’è dubbio che all’Italia serva una visione strategica per tornare a crescere e per riuscire a valorizzare al massimo il proprio immenso patrimonio.
In questa sede, però, ci occuperemo solo dei beni immobiliari pubblici, un segmento decisivo nelle strategie politiche poiché la maggior parte degli enti preposti ha difficoltà nel trasformare un bene poco redditizio in un’opportunità di sviluppo, gestione ottimale del territorio e miglioramento dei servizi offerti alla cittadinanza.

Che non si tratti di una missione impossibile lo ha dimostrato Alfredo Romeo, perché con la Romeo Gestioni ha presentato progetti volti alla riqualificazione urbana (ad esempio l’Insula a Napoli), definito linee guida per la nascita di smart cities, e soprattutto ha portato avanti un modello gestionale efficace per la valutazione degli alloggi pubblici dei comuni e le dismissioni degli stessi, com’è avvenuto nel capoluogo campano.

Continua a leggere…

Romeo Gestioni si occuperà di riscossioni

Gruppo Romeo appalto vinto per riscossioneCosa cambierà dalla fine del 2013, quando Equitalia non potrà più occuparsi della riscossione dei tributi di Comuni e Province? È il turno di altre società che dovranno sostituirsi al tanto discusso ente del governo garantendo la stessa efficacia nel recupero delle somme non pagate.

Per soddisfare le richieste dell’Anci la scadenza del mandato è slittata da giugno a dicembre 2013, dunque la notizia dell’affidamento dell’appalto Asmel a tre imprese tra cui Romeo Gestioni giunge nel momento più adatto.

Continua a leggere…

I meriti di Romeo Gestioni

Alfredo Romeo esempio InsulaPerchè sottolineare nuovamente la gestione virtuosa dell’Insula Antica Dogana a Napoli? La ragione è che Romeo Gestioni ha indicato quel progetto come esempio di comprovata esperienza nel censimento, regolarizzazione e valorizzazione di aree territoriali specifiche, infatti proprio censendo quella ristretta zona della città l’impresa fondata da Alfredo Romeo ha trovato irregolarità mai segnalate in precedenza, come i 20 passi carrai che non risultavano all’amministrazione comunale.

Continua a leggere…

Romeo Gestioni e la soluzione provvisoria per Napoli

In questi giorni stanno circolando alcune ipotesi in vista della scadenza contrattuale per Romeo Gestioni, che si è occupata delle dismissioni dei beni immobili pubblici e della riscossione dei fitti e da 20 anni è un punto di riferimento del settore. La certezza è che ci sarà una gara internazionale per l’affidamento a un nuovo gestore ma il ritardo accumulato dall’amministrazione comunale sta generando non pochi problemi.

Il bando di gara, infatti, non è stato ancora pubblicato e i tempi per l’assegnazione sono normalmente lunghi, per questo si discute di una proroga che consentirebbe a Romeo di continuare il piano avviato con successo: 108 milioni di euro già incassati in 6 mesi con la vendita degli alloggi Erp. La soluzione-ponte consisterebbe nell’affidare il tutto alla Napoli Servizi, società in house che però non si è mai occupata di dismissioni e che entro il 2013 dovrà essere messa sul mercato, come prevede la Finanziaria approvata dal Governo Monti.

Continua a leggere…

Romeo Gestioni, il piano dismissioni procede a gonfie vele

alfredo-romeo-napoliIl rendiconto di gestione del Comune di Napoli, che tanto ha fatto preoccupare commentatori e opinionisti, sarà approvato entro fine ottobre, grazie alla proroga di 30 giorni voluta dal Governo Monti per verificare i debiti esistenti e i bilanci delle partecipate, sui cui i dati sono ancora incompleti.

La notizia positiva è che i primi incassi derivati dalle dismissioni del patrimonio pubblico sono elevati e, come potete leggere dal profilo Slideshare di Alfredo Romeo, si prevede che a questo ritmo entro il 2012 saranno venduti 3000 alloggi. Il diritto alla casa per tante famiglie è così garantito e, nell’ambito della spending review, i ricavi consentiranno di diminuire i costi di manutenzione per i restanti patrimoni pubblici (60000 unità), una nota positiva in uno scenario di crisi e di grande difficoltà.

Continua a leggere…

Navigazione articolo